Pubblicato da: Paolo | 24/03/2018

Arcangeli che scendono e risalgono

Nei racconti delle dottrine e nelle religioni tra oriente e occidente la presenza di angeli e arcangeli (che differenza c’é tra i due? vedi qui)  ha spesso un valore simbolico. Ve ne parlo utilizzando come esempio una meraviglia dell’arte romanica.

La pietra scolpita è nel Medio Evo il grande libro in cui la gente si istruisce e i monaci distillano l’umorismo con insegnamento, donando così una visione ottimista del mondo e del suo futuro. Così, i cristiani dell’epoca potevano leggere nella pietra il senso della vita e del cammina da seguire per giungere al suo compimento soprannaturale.

(Rene Chabrillat, Les Gloires de Thuret)

F08.Thuret,_Mandorla

La scultura sull’architrave del portale sud (da wikipedia.fr)

Thuret è un piccolo comune della regione dell’Alvernia-Rodano-Alpi, nel centro della Francia.

La chiesa di Saint-Martin, uno dei monumenti più antichi nella diocesi di Clermont-Ferrand, fu ristrutturata dal vescovo Stefano II intorno al 960 in seguito ai danni perpetrati dai Normanni. C’è una diffusa simbologia scolpita sui capitelli e negli altri elementi architettonici della chiesa, sui quali, alla ricerca di tutti i livelli di significato, si potrebbe passare un tempo pressoché infinito.

L’avventura della coscienza

Per tentare un minimo di interpretazione di questa rappresentazioni possiamo pensare che esse si riferiscono all’avventura della coscienza umana che, dai piani più elevati della creazione, si incarna nell’essere umano per fare esperienza sulla terra. Il concetto è quella di discesa dalla “Vera Vita”, ossia dalle sfere più elevate, verso la dimensione terrestre.

In un certo senso, quindi, decidendo liberamente di “morire” a se stessa, la coscienza umana può effettuare l’esperienza a partire dai piani più densi della creazione per poi risorgere alla Vera Vita, ossia ritornare ai piani di partenza ri-evolvendo e arricchendo la sua esperienza di partenza.

Quindi:

MORTE = processo involutivo, discendente

VITA = processo evolutivo, ascendente

Una precisazione:  non vi è qui accezione di merito; la vita non è “meglio” della morte, ma entrambe le modalità sono necessarie per poter mantenere la dinamicità del ciclo evolutivo.

La vera morte è la stasi, ossia assenza di movimento, causata dall’annullamento delle polarità, dalla fusione delle due in un “neutro” mortifero.

 Gli arcangeli della discesa e della risalita: Mikhael e Gavriel

Nella scultura che ho riportato qui in alto l’arcangelo Mikhael, nel simboleggiare la funzione involutiva, ha gli occhi chiusi, in quanto scende nella terra, rinunciando alla vista divina. Mikhael è infatti colui che “domina il drago”: ne ho parlato anche nel post Camminare a fianco di un Arcangelo.

In questo caso, la metafora dell’Arcangelo che scende “dai piani alti” ci può far comprendere il percorso di un praticante spirituale che per poter cominciare davvero il proprio cammino, deve morire a se stesso, ossia sciogliere tutta una serie di istanze sul piano emozionale e mentale, con relativo insieme di credenze. Tutte cose create dall’ego e che, se cristallizzate, possono impedire il vero passaggio a una vita superiore, per incontrare l’eternità dello spirito.

Tornando al nostro portale di Thuret, alla sinistra del Cristo troviamo Gavriel, con gli occhi aperti: egli sa quello che fa, in quanto rappresenta la coscienza che, aprendo gli occhi, decide di staccarsi dalla terra e di ascendere verso i reami celesti, in un cammino di vera vita.

La metafora è che, per il praticante spirituale, non si tratta di staccarsi dal mondo, dai suoi bisogni e  dalle necessarie prove che la vita incarnata presuppone, ma di distillare nell’ambito della vita materiale tutta una serie di significati e di susseguenti emozioni, pensieri e azioni alte, verso l’evoluzione.

Un cammino iniziatico

L’iniziazione (dal latino initio, “incominciare”), di cui ho parlato anche in altri post, come in Anche tu confondi l’astrale con lo spirituale? , è paragonabile a una seconda nascita, e deve perciò essere preceduta dalla dissoluzione dell’esistenza precedente.

L’iniziato invece viene chiamato a una serie di operazioni svolte a livello interiore, ben descritte dall’alchimia nei secoli.

La deambulatio

Il percorso all’interno di una chiesa può essere un percorso iniziatico, grazie al sapiente utilizzo delle energie operanti al suo interno.

Che cosa vuol dire accedere a un luogo sacro come iniziato?

l’ho accennato qui, nel post Turista, pellegrino o iniziato?In questo caso il percorso nella chiesa, grazie al progressivo “svuotarsi” dalle vecchie energie e l”arricchirsi” di nuove istanze costituisce, dal punto di vista metafisico, una bella metafora di quello che la coscienza attraverso di noi e la nostra vita può fare: un cammino iniziatico che realmente ci trasforma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: