Pubblicato da: Paolo | 29/08/2013

Jean Uguen: come ti riequilibrio il territorio

traliccio 2.

In questo post vi voglio raccontare le mirabolanti gesta di un bravissimo radioestesista bretone, Jean Uguen, e della sua associazione Prosantel.

Bretagne, mon amour

La Bretagna è una terra bellissima, con una tradizione millenaria, nella quale ancora oggi troviamo centinaia di monumenti e di luoghi sacri che ne testimoniano ancora oggi le caratteristiche speciali, anche dal nostro punto di vista, che è quello dello studio delle energie sottili.

Tutti conoscono gli allineamenti di menhir (famosi quelli di Carnac), i dolmen, le tombe ad allée couverte e gli altri monumenti megalitici risalenti alla preistoria. Per la Bretagna passa la famosa linea di San Michele, che trova un culmine nella famosa chiesa di Mont Saint Michel, e che continua idealmente oltre Manica (sulle cui coste inglesi, sempre sul prolungamento della linea, troviamo un santuario dedicato a Mercurio.

L’associazione Prosantel

In Bretagna ha operato Jean Uguen con i suoi collaboratori con l’associazione Prosantel. Jean, dopo 50 anni di attività in questo campo, è mancato nella primavera del 2011, ma l’associazione continua tuttora la sua attività.

Se almeno masticate un po’ di francese vi consiglio una visita al sito web (http://www.prosantel.net/).

Per aiutare chi proprio non conosce la lingua d’oltralpe ecco qui la mia  traduzione della presentazione del sito:

banner_bottom

Da migliaia di anni gli uomini tengono conto dell’influenza del luogo per preservarsi dalle perturbazioni naturali generate dal suolo. Hanno anche imparato a disporre le pietre per armonizzare determinati siti (menhir, edifici…).
Queste nozioni, nel corso del tempo, sono state ampiamente tralasciate.

In questi ultimi decenni si osserva l’aumento di nocività che perturbano in modo importante la salute degli esseri viventi (stress, problemi nello sviluppo, del sonno, altri tipi di disturbi, malattie gravi…)

In effetti, ai fenomeni naturali  si sovrappongono, oggigiorno, i problemi dovuti alle nuove tecnologie: tralicci, linee ad alta tensione, telefonia mobile, pale eoliche, pannelli solari, installazioni elettriche… si osserva anche l’aumento in potenza dell’impatto delle onde elettromagnetiche. Possono indurre nocività, condotta dal suolo, a volte su distanze importanti.

Non sono contro la tecnologia ma per un suo uso consapevole

Premetto e specifico che personalmente utilizzo molte delle nuove tecnologie, delle quali apprezzo la velocità e la possibilità di connettermi ad altre persone, compreso questo blog, che esiste grazie ad esse.

La mia posizione quindi non è di tipo estremistico. Non ritengo che la soluzione sia quella di eliminare tutte le tecnologie ritornando a quindici anni fa.

Sono invece fortemente interessato ai modi, che a mio parere esistono certamente, di rendere la tecnologia il più possibilmente compatibile con la vita biologica, compresa, appunto, quella di noi esseri umani.

Ormai si sa.

Sono centinaia gli studi indipendenti che dimostrano la nocività di alcune delle nostre apparecchiature di uso più comune, nonostante il tentativo, sempre meno efficace, di sminuirne la potenziale pericolosità dai soliti studiosi prezzolati dai grandi poteri.

Non ultimo, il riconoscimento della nocività dei cellulari da parte dell’OMS. Non che le posizioni “ufficiali” dell’OMS siano così pregnanti per me, ma che ufficialmente si dica questo è sicuramente, per la collettività, segno di cambiamento.

Vi presento in questo post il primo caso interessante di intervento diretto sulla radice del problema.

Caso 1: una rete wi-fi da correggere

La posizione di Prosantel sembrerebbe essere la stessa, dato che, come leggo sul sito, Jean Uguen si  è recato per la terza volta nel 2010 nel comune di Saint Thégonnec per cercare l’origine di alcune problematiche esposte dagli abitanti:

  • L’impiegato dei servizi municipali che lavora a contatto con una nuova apparecchiatura recentemente installata per la diffusione del segnale wi-fi ha subito registrato una netta degradazione delle sue capacità lavorative.
  • Il proprietario di un vivaio che si trova a 5 km da un’antenna di questo sistema, nel passato aveva già avuto una grossa perdita economica a causa dell’infestazione di un fungo, l’oidio, favorito, secondo il gruppo di Uguen, da condizioni di disequilibrio dovute a un pilone della telefonia mobile. Per questo motivo il proprietario notando dei cambiamenti nella sua produzione, si è informato presso Prosantel.
200x285-images-stories-2011-wifi-guiclan-7

La mappa di Uguen

Nel frattempo Uguen aveva prontamente individuato l’origine della nocività prolungando le traiettorie individuate grazie alla radioestesia, in uno dei ripetitori wi-fi installati appunto dal comune per servire gli abitanti della una zona (evidentemente non raggiunta da altre reti su cavo).

campanile Guiclan

Nella foto qui sopra è visibile questo centro, il campanile di Guiclan, centro delle traiettorie che vedete nella mappa tracciata da Uguen.

Piazzando un dispositivo Uguen ha potuto così corregger la situazione. Per fortuna l’intervento è stato tempestivo, e la sensibilità (e la consapevolezza, aggiungerei io) degli addetti del Comune hanno potuto far sì chele persone coinvolte registrassero subito un notevole miglioramento. L’impiegato è tornato al lavoro e il proprietario della serra ha confermato l’assenza di problematiche.

In un prossimo post vi racconto un altro caso, se possibile ancora più spettacolare.

Qualcuno di voi ha delle esperienze personali da raccontare, mandando un commento al Blog? Fatemi sapere!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Sonia Germani Zamperini's Blog

Se l’uomo invece di avere cinque sensi, ne avesse un altro: il palming, il suo modello di realtà e la sua stessa coscienza cambierebbe (SGZ)

Leggenda o Realtà

Svegliamoci! Non limitiamoci a sentire, Iniziamo a comprendere cosa ci accade intorno...

Crazy Alice in Wonderland

"Il segreto, Alice, è circondarsi di persone che ti facciano sorridere il cuore. È allora, solo allora, che troverai il Paese delle Meraviglie..." (cit.)

Fisica della coscienza

Uno e Uno –fa Uno- Il Due –che smetta di essere usato- Va bene giusto per le scuole-

agoresblog

Ogni pensiero è libertà

MariannaMaior

Sii chi veramente sei

Spirito e Profumi

L'incenso come guida alla scoperta di sé...STAY INCENSED!

Zehsod

Appunti e pensieri sulla Qabalah, la geometria sacra e molto altro

Centro Studi Bruttium

Associazione di Volontariato Culturale ONLUS

KeL

Kabbale en Ligne v.6

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: