Pubblicato da: Paolo | 09/02/2013

Esperimenti di fisica

reality_quantum_junction

Questa è la seconda puntata alla scoperta del nuovo paradigma. Parliamo di fisica, in particolare dell’esperimento della “doppia fenditura”. Invito chi legge a fare uno sforzo per cogliere la portata di questi risultati sperimentali alla luce delle nuove interpretazioni.

La prima risorsa a cui vi indirizzo è l’articolo Interferenza  Quantistica, scritto da Fabrizio Coppola, ospitato sul sito di Rosalia Stellacci, autrice di cui già vi ho parlato nel post sulla massa critica.

Se riuscite a leggere tutto l’articolo, magari un paio di volte, saranno per voi più chiare le mie conclusioni, che trovate comunque riassunte qui sotto.

Se preferite, è anche possibile seguire il percorso opposto: leggere la mia sintesi sulle conclusioni e poi andare a vedere i risultati sperimentali che le avallano!

Ma entriamo nella materia (in tutti i sensi!).

La doppia fenditura

In questo articolo, di ottima divulgazione scientifica, Rosalia spiega in modo chiaro gli esperimenti seguenti, di cui delineo gli aspetti a mio parere più importanti:

1) L’esperimento della doppia fenditura, nel quale l’interpretazione realistica (basata sul principio di causalità: ogni effetto deve avere una causa che l’ha indotto) va in crisi.

Risulta infatti che l’atto stesso dello sperimentatore di misurare modifica il risultato che egli osserva.

La precisazione di J.A. Wheeler (conosciuto anche per i lavori sui buchi neri, il cui nome  egli coniò in un discorso alla fine degli anni ’60) smentisce ogni tentativo da parte dei realisti di spiegare il risultato attraverso le loro categorie.

2) L’esperimento “a scelta ritardata” contribuisce a demolire definitivamente l’idea che vi possa essere oggettività nel riscontro della realtà (microscopica, ma anche in quella macroscopica, come scopriremo tra un po’); appare chiaro che la scelta dell’osservatore di porsi in un certo modo nei confronti dell’esperimento è determinante per il risultato dello stesso!

Schema di lente gravitazionale. Dal sito del Telescopio Spaziale.

Fig. 1 – Schema di lente gravitazionale. Dal sito del Telescopio Spaziale.

3) Addirittura, utilizzando l’universo come immenso laboratorio (fig. 1), risulta una dipendenza ancora più forte tra l’osservatore e l’evento che si è generato, addirittura risalente a milioni di anni prima! I fotoni devono aver avuto una sorta di premonizione per sapere come comportarsi in modo da soddisfare i risultati dell’osservazione che l’astronomo avrebbe fatto (J. Horgan, dall’articolo di Le Scienze citato).

4) L’esperimento di Mandel. E’ sufficiente addirittura una semplice potenzialità, la semplice “propensione” ad effettuare una misura (ossia, a intervenire nel sistema) ad alterare il risultato! Qui “si esagera” addirittura: siamo di uno step oltre all’esperimento della doppia fenditura.

Magia? No, fisica contemporanea. 

vediamo come siamo

La giusta conclusione è che “il mondo potrebbe essere la proiezione di una realtà più profonda”.

In particolare, aggiungo io, una realtà per descrivere la quale non possiamo più considerare i suoi osservatori, ossia ciascuno di noi, come distaccati da essa.

In altre parole non siamo semplici comparse o, peggio, passivi spettatori di fronte all’immensità del cosmo, magari marchiati e afflitti da un peccato originale che sancisce e ci deve ricordare in ogni momento la nostra natura inferiore.

Il mondo con cui interagiamo fa parte di noi, la nostra coscienza interagisce con esso, anzi, come vedremo più avanti, addirittura lo crea!

Ricordo la definizione di Coppola: uno spazio psico-fisico astratto composta da stati quantistici che tengono conto della conoscenza dell’osservatore cosciente.

Wow!

Per chi ne vuole ancora

Il secondo articolo che segnalo agli aficionados che vogliano leggere qualcosa degli sviluppi recenti della ricerca, è La doppia, strana natura della luce di Sandro Iannaccone nel quale troverete anche alcune anticipazioni sull’argomento del prossimo post: l’entanglement.

Spero che questi argomenti vi interessino… fatemi sapere!

Alla prossima!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: